Torta di mandorle al cioccolato


In questo periodo, con la primavera ormai alle porte, si risveglia in me voglia di mandorle. 
Vedere le gemme delle piante, i primi  fiori nei prati, risentire i profumi floreali durante una camminata, o semplicemente il sole sul viso addolcisce il cuore e la mente. ... così è nata la voglia di un dolce. 
E sono entrata in cucina con l'idea di fare una torta che in qualche modo si ispirasse alla tradizione del parrozzo abruzzese. anche se poi ha preso una deriva che definirei tutta "irriverente"... o meglio, tutta forchettina !!!
Portino molta pazienza i tradizionalisti, perché di originale alla fine è rimasta solo l'idea.
Come base di impasto c'è semolino  e farina di mandorle.
La torta viene poi ammorbidita con una bagna all'amaretto, che serve più a dare maggiore profumo che morbidezza, perché devo dire che la base è già abbastanza soffice.
E infine l'ho farcita con un leggerissimo strato di crema pasticcera, che si nasconde alla vista, ma si percepisce all'assaggio. Insomma .. una golosa sorpresa finale.
Per i più golosi (come certe persone di mia conoscenza) si possono fare due strati di crema pasticcera (quindi doppia dose) e aumentare anche la bagna. A voi la scelta ....
Io l'ho gradita anche così, semplicemente elegante !!!!

Ingredienti (per uno stampo da 17-18 cm.) : 4 uova – 140 gr. zucchero semolato – 100 gr. semolino – 140 gr. mandorle – buccia di limone e arancia – 1 cucchiaio di amaretto – 150 gr. cioccolato fondente – 25 gr. burro - 1/3 fialetta di aroma di mandorle amare – sale
Per la crema pasticcera : 1 tuorlo – 30 gr. zucchero semolato – 100 gr. latte – 5 gr. fecola – buccia di limone e arancia – sale  - 1 o 2 gocce di aroma di mandorle amare
Per la bagna : 50 gr. acqua – 50 gr. zucchero semolato – 25 gr. amaretto di saronno

PREPARAZIONE
Tostare le mandorle pelate per 10 minuti in forno a 140°C.
Farle raffreddare e poi macinarle con un cucchiaio di zucchero semolato (preso dai 140 gr.).
Montare i tuorli con metà zucchero rimasto, successivamente unire le mandorle, un pizzico di sale, poi il semolino, le bucce grattugiate, l'aroma e il liquore.
A parte montare gli albumi con il restante zucchero. Aggiungerli a più riprese al composto, mescolando con movimenti delicati dal basso verso l'alto, per non smontarli.
Imburrare e infarinare uno stampo a cerniera e versarvi il composto.
Cuocere la torta in forno caldo a 170° per circa 45 minuti, verificando la cottura con uno spiedino, che dovrà uscirne asciutto.
Sfornare la torta e farla intiepidire qualche minuto prima di sformarla e farla raffreddare su una gratella.
Tagliare a metà il dolce e bagnarlo con la bagna Spalmare con la pasticcera e ricomporre la torta. Bagnare anche la superficie con poca bagna.
Sciogliere a bagnomaria il cioccolato fondente tritato con il burro e colarlo sulla torta fredda, ricoprendola totalmente.  Far raffreddare.

Per la pasticcera : scaldare il latte con le bucce. Montare il tuorlo con lo zucchero. Unirvi la fecola setacciata, il sale e poi il latte. Filtrare la crema, metterla su fuoco e farla addensare.
Versarla in una tazza, coprire a contatto con carta forno bagnata e strizzata e far raffreddare.

Per la bagna : portare a bollore l'acqua con lo zucchero per farlo sciogliere. Togliere dal fuoco e far raffreddare. Unirvi l'amaretto e mescolare.

Commenti

Post più popolari